Arborea, fonte di energia positiva

Eleonora650Tornato a Milano ripenso a quello che ho visto un paio di settimane fa ad Arborea, pochi chilometri a Sud di Oristano. La strada che attraversa la piana è costellata da lenzuoli bianchi con scritto “No al progetto Eleonora”. Sui balconi e sui cancelli, tra gli alberi, sulle staccionate degli allevamenti bovini, agli incroci… chilometri e chilometri di scritte, segno di una mobilitazione importante di tutta la popolazione. Incuriosito ho chiesto di cosa si trattasse e sono così venuto a sapere che da un oltre un anno si battono contro la Saras dei Moratti (quelli dell’Inter, della sciura Letizia, di Sarroch e del colpo grosso in Borsa) che vorrebbe trivellare la piana alla ricerca di gas metano. Un’evidente follia non solo per i rischi ambientali (la vicinanza con lo stagno S’Ena Arrubia che è zona protetta), ma anche per quelli di carattere socio-economico visto che da quasi un secolo questa zona è dedita all’agricoltura e all’allevamento di qualità e con le sue aziende agricole e cooperative del latte è una forza propulsiva dell’economia sarda. Le trivelle rischiano di intaccare la falda inquinandola e l’attività stessa di trivellazione è fonte di emissioni nocive con ricadute pesanti su agricoltura e allevamento oltre che sulla salute dei cittadini. La battaglia si sta combattendo in Regione e molto se ne discute sui giornali locali (su quelli nazionali invece, chissà perché, non se ne parla). Tanti politici sono stati costretti a fare dietrofront (ad esempio il PD inizialmente sosteneva il progetto Saras e ora non più). Certo, il vantaggio di Arborea rispetto ad altri luoghi ed altre mobilitazioni è che a contrastare gli interessi meramente speculativi dei petrolieri de noantri c’è un’intera filiera produttiva che dà reddito a centinaia di famiglie, ma l’energia positiva che sprigiona potrebbe utilmente contagiare altre lotte e, comunque, almeno a me ha infuso qualche grammo di ottimismo che cercherò di mettere a frutto nei mesi a venire, che si preannunciano cupi. Per chi volesse saperne di più, questo è il sito del Comitato “No al progetto Eleonora”

Paolo Fior
paolo.fior@cronache.org

Comments are closed.