New York: Mr. Maxwell va in pensione

New Jersey's pumpkins - photo by Katina Rogers

New Jersey’s pumpkins – photo by Katina Rogers

Non capita tutti i giorni che il New York Times dedichi un articolo e una splendida photogallery a un agricoltore del New Jersey che ha deciso di andare in pensione, ma quella di Bill Maxwell è una storia particolare. Maxwell è un vero e proprio punto di riferimento dei Greenmarkets newyorkesi ai quali partecipa dal 1983 portando due volte a settimana i suoi prodotti. Una miriade di clienti, tra cui anche rinomati chef, si riforniscono esclusivamente da lui. Insomma è una vera e propria celebrità in una New York dove la cultura del mangiare localmente si è talmente radicata da determinare una crescita esponenziale dei ristoranti farm-to-table (cioè dal produttore alla tavola), mentre l’organizzazione nonprofit che gestisce i Greenmarkets, conta ora ben 54 mercati a New York contro i 17 del 1983, quando Maxwell ha iniziato. Lo chef Peter Hoffman, capostipite del movimento farm-to-market, sottolinea come non sia solo il prodotto, ma anche la qualità della relazione che si è instaurata con il produttore a fare la differenza: ore passate a discutere insieme di agricoltura e di cucina e di una varietà di altre cose. Se la statura del personaggio Maxwell basta da sola a giustificare l’articolo, il New York Times mette il dito sulla piaga dell’età media degli agricoltori americani che continua ad aumentare (era 57 anni nel 2007). I giovani che scelgono l’agricoltura sono molti, sì, ma le nuove iniziative sono di piccola se non piccolissima taglia e tendenzialmente specializzate. Così Greenmarket trova sempre più difficile rimpiazzare chi, come Maxwell, raggiunti i 65 anni decide di andare in pensione: un problema sia per la terra che rischia di divenire oggetto di speculazione edilizia sia per il movimento del mangiare locale che in una metropoli come New York ha bisogno di qualità in quantità. Questo il link all’articolo originale e alla photogallery.

Paolo Fior
paolo.fior@cronache.org

Comments are closed.