Ray e “L’albero stregato”

The Halloween tree

Un particolare della copertina de L'albero stregato

Ray Bradbury l’ho conosciuto che avevo sei/sette anni. Il mio amico Davide mi prestò The Halloween tree, L’albero stregato nell’edizione italiana, e fu un colpo di fulmine. Quel libro d’infanzia, pubblicato da Emme Edizioni, l’ho cercato a lungo e lo conservo in un posto speciale della mia libreria. Ha una splendida copertina in cartonato disegnata non so da chi (il nome dell’illustratore non è riportato, così come non figura l’anno di pubblicazione, cosa piuttosto curiosa). Di libri di Bradbury ne ho poi letti naturalmente molti altri, bellissimi e giustamente molto più famosi, ma L’albero stregato è per me davvero speciale, un primo amore. E Bradbury questa sera voglio ricordarlo così, grato per questo dialogo che, da bambino, aveva contribuito non poco ad alleviare le mie ansie:

Signor Sudario, chi siete VOI?
Io credo che tu lo sappia, figliolo.
Ci incontreremo ancora, Signor Sudario?
Sì. Fra molti anni verrò a cercarti.
Signor Sudario, QUANDO smetteremo di aver paura della notte e della morte?
Quando avrai raggiunto le stelle, e vivrai lassù per sempre, ogni paura svanirà e la stessa Morte morirà.
Ray Bradbury, L’albero stregato

One thought on “Ray e “L’albero stregato”

Comments are closed.