La mossa del cavallo

E’ giovane, spregiudicato e ambizioso. Usa con disinvoltura i media e il potere. E a tre giorni dal voto – sapendo già come andrà a finire – lancia la sua “cosa”. Un modo per smarcarsi da Roberto Maroni, destinato a finire nel tritacarne dei regolamenti di conti interni, e soprattutto per posizionarsi da subito

La macchina del fango

Dalla campagna sul bere responsabile (“Prima si vota, poi si beve”) by Ceres, a quella qualunquisteggiante (-Tasse +Casse) by “vuota” Bavaria. La birra cerca di cavalcare la scadenza elettorale di fine febbraio e già questo ci dice molto sul livello della comunicazione e del dibattito politico in Italia. Che dire invece delle letterine porta-a-porta inviate […]