Corso accelerato di educazione civica

Photo courtesy by Piqsels

canada20Il senso civico e il senso di responsabilità cui tutti siamo chiamati in questo difficilissimo periodo non può e non deve ridursi al rimanere in casa e al rispetto scrupoloso del distanziamento sociale e delle regole d’igiene. Deve estendersi ai social, agli account whatsapp e a ogni altra forma di comunicazione digitale e non per evitare la diffusione di notizie false o infondate che possono indurre altri, tanti altri, ad assumere comportamenti sbagliati e controproducenti per la loro salute. Non mi riferisco Continue reading “Corso accelerato di educazione civica”

Nervi saldi. Soprattutto ora

Embed from Getty Images

canada20In momenti drammatici e inediti quale quello che stiamo vivendo si provano sensazioni davvero spiazzanti, oltre che nuove. Siamo tappati in casa e il mondo direttamente conoscibile si riduce per lo più alla vista dalle finestre e al breve tratto di strada che porta da casa al supermercato. Il resto è mediato dal racconto che ne fanno gli amici sparsi in altre case, il web, i social, la radio, la televisione… Mai mi era capitato di avere un’esperienza diretta così limitata e parziale di ciò che Continue reading “Nervi saldi. Soprattutto ora”

Lo spread dei ludopatici


canada20Di fronte alle affermazioni nette e inequivocabili del ministro agli Affari Europei (nonché ministro dell’Economia “ombra”), Paolo Savona, cade ogni beneficio del dubbio e si conferma piuttosto quello che molti sospettano da tempo: che il governo italiano stia mettendo in atto un piano studiato a tavolino per entrare a tutti i costi in rotta di collisione con Bruxelles. L’entità dello spread, il rischio di una nuova, devastante, crisi bancaria, gli immani danni collaterali che tutto ciò già ora Continue reading “Lo spread dei ludopatici”

Una faccia, una razza

canada20“Italiani-greci, una faccia una razza”. Non c’è niente di meglio di un vecchio luogo comune per scoprire in realtà quanto italiani e greci siano diversi. Diversi perché la Grecia la sua drammatica crisi l’ha già vissuta e – seppur con le ossa rotte da anni di tagli e di austerity (quella vera), il cui conto è stato pagato dalle fasce sociali più deboli – ha iniziato a risollevarsi, a respirare un pochino. Noi invece, che il tracollo lo abbiamo solo sfiorato  Continue reading “Una faccia, una razza”